venerdì 4 novembre 2011

PROBABILI E DIFFUSI ERRORI NELLE ATTRIBUZIONI DELLE ESENZIONI PER REDDITO

Lo Snami Regionale scrive alla Direzione Generale Lombardia perché i prescrittori oltre al disagio non abbiano la beffa di dovere rispondere di sbagli altrui ….
Egr. Dott.ri,
segnalazioni come quella allegata sono all’ordine del giorno.
Pensavamo che il caos creatosi con le esenzioni da reddito fosse imputabile alla novità e al sovraffollamento degli uffici ASL. Al contrario, si constata che, nonostante passi il tempo, i problemi aumentano, invece che diminuire. Molte sembrano essere le esenzioni che non vengono attribuite e molte sembrano essere le esenzioni per reddito che vengono automaticamente date a cittadini che, probabilmente, non ne hanno diritto.
E’ chiaro che la responsabilità degli errori del sistema sono in capo a Regione Lombardia e mai se ne dovrà chiedere conto ai Medici prescrittori. Vi invitiamo comunque a rivedere le modalità di incrocio dei dati per erogare le esenzioni per reddito poiché è netta la sensazione dello scrivente sindacato che vi siano numerosi errori di attribuzione delle esenzioni stesse.
Cordiali saluti
Roberto Carlo Rossi
Presidente SNAMI Lombardia

1 commento:

  1. Giuseppe Napolione4 novembre 2011 05:09

    Scusa Roberto Carlo,

    ma di quali "incroci" parli? Di quelli rilevabili tramite il sistema informatico sanitario?
    Ma...non si era detto che si doveva "togliere la spina"?
    Io non faccio il l'ispettore di Agenzia Entrate!

    RispondiElimina